Prima regola: saper disinnescare

Prima regola: saper disinnescare

Ha scelto di mettersi in gioco a Perugia per allernarsi e allenare nella stagione più importante, quella che porta all’Olimpiade di Tokyo. Dopo un 2020 senza nazionale Davide Mazzanti è pronto a vivere tutta d’un fiato la stagione dei Giochi. «Cominciamo con un gruppo allargato. Chiamare più ragazze non significa dare loro un contentino, ma gratificarle con un’opportunità vera»

Vent’anni

Vent’anni

Il cambio di ruolo da libero a schiacciatore glielo hanno regalato i centimetri, il bagher fa parte dell’eredità di papà. Il resto Alessandro Michieletto se lo sta guadagnando giorno per giorno in una Trento che non ha paura a dare fiducia ai giovani. Una crescita repentina, al punto da far entrare il suo nome tra i candidati per una convocazione olimpica.

Più forte del destino

Più forte del destino

A 24 anni un grave infortunio al ginocchio ne ha messo a rischio la carriera. Oggi Caterina Bosetti si è ripresa la scena con numeri da top player ed è tra le osservate speciali di Mazzanti per un posto all’Olimpiade. «Io voglio vincere uno scudetto e sono rimasta a Novara per questo motivo. Lavoro ogni giorno per arrivare in nazionale, ma cerco di non parlarne troppo. Preferisco lo faccia il campo»