Il mio momento d’oro

Il mio momento d’oro

La maglia da titolare in azzurro è arrivata insieme alla grande gioia per il successo all’Europeo. Con Fefè De Giorgi in panchina Fabio Balaso ha riempito la bacheca personale, a Civitanova e in nazionale. Le delusioni per la mancata convocazione al Mondiale 2018 e all’Olimpiade di Tokyo fanno parte del suo bagaglio, il futuro è nelle mani del libero della Lube

Vent’anni

Vent’anni

Il cambio di ruolo da libero a schiacciatore glielo hanno regalato i centimetri, il bagher fa parte dell’eredità di papà. Il resto Alessandro Michieletto se lo sta guadagnando giorno per giorno in una Trento che non ha paura a dare fiducia ai giovani. Una crescita repentina, al punto da far entrare il suo nome tra i candidati per una convocazione olimpica.

La mia corsa a tappe

La mia corsa a tappe

Il suo rendimento, mai così costante in carriera, è stata una della chiavi della grande stagione di Vibo e adesso il francese Thibault Rossard è tra gli schiacciatori più corteggiati della Superlega. «Resterò in Italia. Amo questo Paese e voglio conoscere il pubblico che il Covid non ci ha permesso di avere nei palazzetti»

Giocherò altrove (ma non ora)

Giocherò altrove (ma non ora)

«A Perugia ho realizzato i miei sogni, mi manca solo vincere la Champions League. Ci proverò, sarebbe bello andare via da vincente». Il contratto del capitano degli umbri Alexsandar Atanasijevic scade nel 2022, ma nella stagione resa più difficile da Covid e infortunio al ginocchio pensa per la prima volta a un futuro lontano da quella che è diventata la sua casa. Intanto lavora per trovare la condizione migliore. «Quando arriveranno le partite che contano sarò pronto»